Pubblicato il

Revisione dei turbocompressori per la tua auto: da “bambina” dei motori, a “signora” incontrastata da competizione

La tua auto deve passare da “motore aspirato” a turbo?

Possiamo farlo noi: da semplice auto a bolide incontrastato della strada con la revisione dei turbocompressori

Nuova vita alla tua auto, che non si sarà mai sentita così potente.

 

Ecco cosa facciamo:

 

  • incrementiamo la potenza della tua macchina
  • ritiriamo, garantiamo il lavoro effettuato sia all’estero che in Italia.

 

A differenza da chi pensa solo ad un lavoro meccanico, noi pensiamo al tuo risultato. Sei un pilota da competizione e desideri vincere la tua gara? Noi ti aiutiamo. La nostra esperienza trentennale, ci ha permesso di collaborare in grandi campionati come quello del rally.

 

Abbiamo collaborato con i team ufficiali da corsa di grandi case automobilistiche, la revisione dei turbocompressori è il nostro pane quotidiano.

Turbocompressori revisionati: il vantaggio che cercavi

 

Non devi cambiare auto o sostituirla, per correre con un mezzo più veloce. Puoi sederti, ogni volta, nella stessa autovettura, raggiungendo il massimo della potenza solo con un accelerata.

 

Come? La revisione dei turbocompressori è la risposta alla tua domanda.

 

Per comprendere bene di cosa si sta parlando, bisogna partire dal concetto di aria aspirata; esistono due modi per incrementare la quantità di aria che va all’ingresso del motore: elevare la rotazione all’interno di quest’ultimo o aumentarne la cilindrata.

 

Qual è lo scopo del turbocompressore? Potenza … potenza alla tua auto come non avresti mai sperato di raggiungere.

 

Affidati a Turmax! Non avere timore, portaci qui la tua “bambina”, la renderemo una signora di lusso per le strade da corsa.

 

Siamo un’azienda che ha fatto dello sport a quattro ruote piuttosto che del mondo dei motori, la sua ragione di sfida quotidiana.

 

Abbiamo collaborato con i team ufficiali da corsa di grandi case automobilistiche, la revisione dei turbocompressori è il nostro pane quotidiano.

Turbocompressori revisionati: il vantaggio che cercavi

 

Non devi cambiare auto o sostituirla, per correre con un mezzo più veloce. Puoi sederti, ogni volta, nella stessa autovettura, raggiungendo il massimo della potenza solo con un accelerata.

 

Come? La revisione dei turbocompressori è la risposta alla tua domanda.

 

Per comprendere bene di cosa si sta parlando, bisogna partire dal concetto di aria aspirata; esistono due modi per incrementare la quantità di aria che va all’ingresso del motore: elevare la rotazione all’interno di quest’ultimo o aumentarne la cilindrata.

 

Qual è lo scopo del turbocompressore? Aumentare la densità dell’aria che viene immessa nel motore. Che cosa determina questo processo ? Potenza … potenza alla tua auto come non avresti mai sperato di raggiungere.

 

 

Pubblicato il

Turbine Revisionate: Risparmio e Prestazioni al TOP per la tua auto

Turbine Revisionate

Le Turbine Revisionate sono la migliore soluzione nel rapporto Prezzo/Prestazioni per aumentare la potenza della nostra auto. Offrono le stesse garanzie di una turbina nuova, avendo le parti soggette ad usura completamente Nuove, mantenendo le parti rigenerate con un controllo qualità rigoroso e metodico per offrirci il massimo possibile. Il tutto a costi contenuti rispetto all’acquisto di una turbina nuova di zecca.

 

Il mondo delle auto da competizione basa il suo successo sulla capacità di reinventarsi continuamente, portando il settore sempre a livelli successivi e raggiungendo, quindi, grandi risultati. L’aumento delle prestazioni viene richiesto in ogni caso anche per le auto di serie, semplicemente per passione di avere cavalli nel motore oppure perché si compete nel campo del Tuning, per avere quindi un’auto sempre al top.

 

Come fare ad assicurarti che il motore della tua auto abbia il turbocompressore che si merita?

 

Turmax è l’azienda che stai cercando, quella che renderà il tuo sodalizio con la tua macchina, un matrimonio passionale e pieno di grandi soddisfazioni.

Turbine revisionate, di prima qualità, per la mia auto con Turmax

 

Un motivo per scegliere turbine revisionate è l’elevato costo dei turbocompressori buovi, e poi acquistare ricambi auto non originali fornisce risultati poco durevoli. La scelta è fra acquistare una turbina nuova o una turbina rigenerata, che permette un risparmio elevatissimo pagando per un prodotto rigenerato soltanto il 30% del prezzo di un ricambio nuovo. Anche le turbine rigenerate attraverso un elevato processo di controllo godono di una garanzia di un anno, fornendo le prestazioni e i risultati del pezzo nuovo.

Una Turbina core-assy è consigliatissima dai meccanici perchè è praticamente pari alla turbina nuova, con la stessa struttura e pari funzioni, con prestazioni di livello pari alla turbina nuova.

La revisione della turbina avviene attraverso diverse fasi:

 

Smontaggio
Pulizia
Sabbiatrice
Sostituzione del nuovo Core-Assy
Equilibratura turbina revisionata
Assemblaggio turbina revisionata
Controllo della pressione
Alla fine di questa procedura la turbina revisionata può essere montata sulla nostra auto con la garanzia fornita pari al pezzo nuovo.

La differenza fra turbine revisionate e turbine nuove sta nel mantenimento dei pezzi non soggetti ad usura, e nella sostituzione con pezzi nuovi dei componenti soggetti ad usura. I ricambi mantenuti vengono sottoposti a controlli accurati e correttamente revisionati.

 

Ecco cosa ti aspetta, se regalerai alla “tua sposa”, la tua auto, delle turbine revisionate da Turmax.

 

Scegli la professionalità di un’azienda con più di trent’anni di esperienza, che vive con te il brivido della vittoria, che sogna con te, le strade da percorrere al massimo della velocità ma soprattutto che ti spiega passo dopo passo, ogni fase del potenziamento sul motore del tuo “gioiello”.

 

Turmax non si tira mai indietro e non dice mai di no ad un motore: consegna, ritira e garantisce ogni lavoro da effettuare, sia in Italia che all’estero.

 

Molti sono gli esempi che sottolineano l’esperienza poliennale di Turmax nel campo della Revisione e Rigenerazione  Turbine e Turbocompressori, tra i tanti kit di turbine revisionate elenchiamo:

Kit Revisione Turbina Smart For Two

Kit Turbocompressore Revisionato per  A6 3.0 TDI 218 CV quattro edition S troni

Kit revisione Turbo ALFA ROMEO – 164 2.0 V6 Turbo 204CV

Kit Turbina Revisionata per AUDI – A4 1.9 TDI 130CV

 

 

Pubblicato il

Turbocompressori revisionati: con la tua auto si “vola”!

Turbocompressori revisionati: sono la risposta che stai cercando per far diventare la tua auto da competizione, un vero “mostro” della strada.

 

“Volare” in pista come il campione di rally Italiano 2017 Andreucci? La tua auto da competizione può farlo!

 

L’emozione della velocità con la quale osservi la strada che percorri, correre con te …

La grinta di quel volante, che vibra dalla “gioia” tra le tue mani …

 

Sì lo voglio. Ma come faccio?

Turbocompressori revisionati: dove, come e a chi affidarsi

 

Il tuo sogno è quello di “mangiare” la strada, accompagnato dal tifo dei tuoi fans ?

 

Turmax è l’azienda che fa per te. Affidati a professionisti seri, che hanno sposato il mondo dei motori e si dedicano con passione alle auto, vestendole di nuova potenza e bellezza.

 

Ok. Sono convito, lo faccio. Ma in cosa consiste la modifica?

 

Quello che realmente stai facendo è migliorare le prestazioni della tua auto, grazie ad uno specifico tuning meccanico. La stai rendendo un vero bolide.

 

Dal punto di vista tecnico, lo staff di Turmax si occuperà di attuare una revisione dei turbocompressori, al fine di sovralimentare il motore endotermico, per ottenere maggiore potenza. Per raggiungere questo risultato, bisogna aumentare la quantità di aria all’ingresso del motore.

 

Come si fa ad incrementare la quantità di aria nel motore?

 

Aumentando la cilindrata o elevando il regime di rotazione. Il funzionamento del turbo, infatti, consiste proprio in questo ovvero nell’ inondare la camera di combustione, di aria. Si comprende, chiaramente, quindi da dove proviene il rombo “pulsante” e potente della tua nuova auto.

 

Rivolgiti a Turmax!

 

Fai affidamento su di uno staff che vede, nei motori di un’auto, una sfida continua per crescere e migliorare. Il suo successo è dato da un’esperienza trentennale, che permette all’azienda di essere, oggi, una delle più quotate nel mondo della meccanica automobilistica.

Il tuo sogno di vivere la “strada da competizione” come l’eroe delle quattro ruote, Paolo Andreucci, può diventare realtà.

Pubblicato il

Ora accelero un po’…. sì ma con i Turbo modificati

La strada che si infiamma al passaggio del tuo bolide: la tua auto.

Il brivido della spinta, che ti “schiaccia nei sedili”, quando entra il turbo.

L’emozione di sentirsi come uno dei driver del film Fast and Furios.

 

Di’ la verità, quante volte mettendoti alla guida della tua auto, eri solo di notte e stavi percorrendo le curve della strada che più ti piace fare ed hai pensato: “… ora accellero un po’”?

 

Nella vita di tutti i giorni, un guidatore non può farlo ma se desideri sfidare i tuoi limiti in gare e competizioni, é con un auto veloce che lo devi fare!

Turbo modificati: da semplice auto a bolide della strada

Se vuoi migliorare le prestazioni della tua auto, puoi rivolgerti a Turmax: azienda specializzata nelle sovralimentazioni motoristiche.

 

Cosa vuol dire installare un turbocompressore nel motore della tua auto?

 

Si parla di effettuare un tuning meccanico che migliorerà, di gran lunga, le prestazioni della tua auto da competizione.

 

Lo scopo di installare turbo modificati è quello di sovralimentare un motore endotermico. In pratica il concetto dal quale devi partire, per capire bene di cosa si sta parlando, è quello della quantità di aria aspirata. Per ottenere potenze più elevate, bisogna aumentare la quantità di aria all’ingresso di un motore; puoi farlo aumentando la cilindrata dello stesso o elevando il regime di rotazione.

 

La soluzione più semplice? Riempire di aria la camera di combustione.

 

Ecco che, la star dei motori a tutta velocità fa il suo ingresso: il turbocompressore.

Nello specifico questa tecnica meccanica, consiste nell’aumentare la densità dell’aria che entra; in pratica è grazie a quest’ultimo passaggio che il motore si veste di nuova potenza.

 

Prima di passare ai turbo modificati per far diventare la tua auto veloce e incredibilmente potente, bisogna capire bene il funzionamento di un turbocompressore: stai passando dal motore aspirato al turbo, non è uno scherzo per il tuo veicolo.

 

Affidati a professionisti che hanno fatto dei motori il loro primo amore, quello a cui non dicono mai di no.

Turmax è l’azienda che stai cercando per vivere la tua corsa in auto, come lo speedy Gonzales delle 4 ruote: ritira, consegna e garantisce il lavoro, sia all’estero che in Italia.

 

Pubblicato il

Turbo maggiorati per un potenziamento a regola d’arte

Prestazioni che ti fanno raggiungere alti livelli di potenza? Ora si può. Come?

Il turbocompressore sostitutivo è la risposta che stai cercando.

Cosa devi fare prima di utilizzare questa tecnica?

Devi verificare che ci siano le premesse per ottenere il risultato che desideri raggiungere. Quello che è importante considerare, affinché tu possa ottenere il risultato di potenziamento che desideri, è che il resto dei componenti sia adeguato alla tecnica dei turbo maggiorati utilizzati.

Non basta infatti un big turbo per cambiare gli esiti di un complesso sistema nel quale viene inserito, se poi gli altri elementi non sono a livello.

Suggerimenti per sostituzione con turbo maggiorati

Il primo suggerimento importante, riguarda l’installazione del componente sostitutivo: va sempre fatto su di un auto già elaborata con quel tipo di turbocompressore.

Attenzione questa tecnica, non può essere utilizzata per tutti i veicoli.

Vuoi il massimo del potenziamento e quindi un miglioramento delle prestazioni?

Allora devi fare tutto a regola d’arte. Affidati ad aziende specializzate nelle sovralimentazioni motoristiche, sapranno spiegarti tutte le possibili problematiche inerenti a questa tecnica, guidandoti nel miglioramento delle potenzialità della tua auto.

Turmax: soluzioni velocissime

 

Pubblicato il

Maggiorazione Turbo: Materiali e Vantaggi

La Modifica e Maggiorazione del Turbo  è una valida soluzione quando si chiede elevate prestazioni , il massimo in caso di pressioni elevate, portando oltre il limite fino della rottura sull’alberino di molti punti.

Spesso si sceglie di revisionare anziché effettuare una maggiorazione Turbo perché alcuni Turbo e Turbine utilizzano una sezione dell’albero molto piccola che non permette di adattare una girante maggiorata per non rischiare rovinose rotture.

La Maggiorazione del Turbo quando invece diventa possibile, per le condizioni di partenza del sistema di turbocompressione(dimensioni, ambiente di montaggio, possibilità di adattamento della girante di aspirazione)

permette elevate prestazioni e una tenuta lunga e meno usura nel tempo dell’impianto turbo maggiorato.

gli esempi di maggiorazione turbo sono molteplici, quando le condizioni di partenza lo rendono possibile e possono esserne esemplificati i passaggi come segue.

Applicazione di una Girante maggiorata Ricavata dal Pieno

Lucidatura della chiocciola di aspirazione, che viene finemente allargata.

Disegno differente della battuta dello spallamento, imposto a 360.

Piatto interno rilucidato.

Queste operazioni portano ad una maggiorazione del Turbo che permette un minor Turbolag a causa di un’inerzia di movimento più bassa;   aumento della pressione rispetto all’originale, e della portata d’aria. La forza centrifuga ottenuta comporta un’aumento della resistenza, e una corretta procedura e molti preparatori raffinano anche l’opera completando con un disegno delle palette con aerodinamica aumentata.

 

Pubblicato il

Turbo Revisionati: Meglio o Peggio del nuovo?

Turbo Revisionati

E’ annosa da sempre la diatriba e lo scontro politico fra i fan delle elaborazioni automobilistiche, divisi tra chi acquista soltanto parti di ricambio potenzianti nuove, e chi tradizionalmente punta sulla revisione del Turbo e sulla rigenerazione delle turbine auto
La revisione del turbo avviene tramite la progettazione, un processo di rigenerazione e la rimessa in assemblaggio delle parti del turbo, per ottenere a costi più contenuti un risultato con caratteristiche equivalenti, se non in molti casi superiori al prodotto nuovo.

Chi sostiene che il turbo revisionato fornisca prestazioni equivalenti se non superiori lo afferma dalla parte di chi è convinto che una turbina che ha già lavorato si presenta già rodata e bene “a fuoco” con l’obiettivo finale, quello di produrre prestazioni elevate.

La preparazione e la rigenerazione della parte avviene tramite lavorazione meccanica degli elementi che compongono il turbo.

Spesso i campi di applicazione di Turbo Revisionati spazia dalle competizioni motoristiche, dove il flusso ed il mercato delle parti di ricambio è molto diffuso, specialmente di parti usate da rigenerare, al Tuning, dove l’estetica e l’aerodinamica incontra la propulsione di turbine nuove e revisionate o rigenerate.

Per scegliere opportunamente di dirigerci verso un Turbo Revisionato, è necessario affidarsi a mani esperte, ad aziende che investono ed aggiornano i propri meccanici per essere pronti a revisionare qualsiasi turbo, offrendo garanzie e certificando di fatto il risultato finale al cliente.

Questo è il percorso che contraddistingue Turmax come uno dei giusti partner nella fornitura di turbocompressori revisionati, nuovi e modificati.

 

Contatta Turmax per ogni tipologia di informazione relativa alla scelta di Turbo Revisionati















*elementi obbligatori

 

Dove Siamo

 

 



Pubblicato il

Tubocompressori modificati: Guida all’aumento della pressione del Turbo

Quando si vuole aumentare la potenza di un’auto si deve forzatamente mirare ad aumentare la massa di aria e comburente che il motore è capace di aspirare.
Per fare questo si procede aumentando la portata di combustibile(benzina o diesel) operando sulla pompa meccanica o sul carburatore(sulle auto più datate si modificavano i getti sostituendo il carburatore con uno di dimensioni maggiori)

L’aumento della portata del combustibile è un obiettivo presente storicamente fin dall’inizio della storia dei motori, e per molto tempo è stata una vera e propria fissazione per i progettisti.

In principio si lavorò sul carburatore ma e soprattutto sull’albero a camme( o gli alberi dove ne fossero presenti diversi), ma dopo numerose prove si ottenne di avere motori scorbutici, ostici da usare nell’uso quotidiano, alzando i diagrammi e aumentando le alzate delle valvole.

In questa fase per risolvere il problema ci viene incontro l’aeronautica con un invenzione che permette l’aumento della pressione dell’aria dentro la camera di scoppio in maniera più veloce possibile, sfruttando le caratteristiche di compressione dell’aria stessa.

I primi esperimenti portarono a sfruttare sistemi centrifughi per i compressori anche sui motori automobilistici, applicando sistemi di aspirazione dell’aria dal motore una volta azionati dal motore stesso. Il sistema di aspirazione comprimeva l’aria aspirata e la spediva direttamente nella camera di scoppio. L’approccio era di
facile applicazione, ma richiedeva al motore uno sforzo equivalente alla metà dell’incremento prodotto, riducendone i vantaggi di prestazione.

Negli anni ricordiamo i motori Alfa Romeo a 6 e 8 cilindri degli anni ’30 che usavano questo approccio, destinato solo a motori ad alte prestazioni a causa del costo  elevato di realizzazione. Mercedes, Auto Union, Bentley, ruggenti a Le Mans tra gli anni ’20 e ’30.

Con la nascita dei turbocompressori, cioè dei compressori azionati dagli scarichi dell’auto, che non richiedevano sforzi al motore, la soluzione proposta fu sicuramente più alla portata: l’unico inconveniente per questa pratica, usata ancora oggi in alcuni casi, è un ritardo di risposta a bassi regimi(turbolag) che aumenta in caso di uso di turbine molto grandi.

L’avvento delle turbine a geometria variabile nei primi anni ’90 sono accorse a risolvere la problematica spiegata sopra, che consentono di avere due turbine in una sola; delle piccole palette riducono o aumentano il diametro della chiocciola di aspirazione dando la possibilità di risposta immediata sia a bassi che alti regimi.

Un Turbo(o meglio turbocompressore) è sostanzialmente diviso in 3 parti: corpo centrale, che tiene al suo interno un alberino con due giranti ad elica alle estremità;
I giranti sono all’interno di chiocciole ai lati del corpo centrale del turbocompressore, una in ghisa, attaccata al collettore di scarico, e guida i gas di scarico su una delle giranti, che fa girare la sorella all’altra estremità, contenuta nella chiocciola di alluminio che fa aspirare e comprime l’aria.

La pressione viene captata da un palloncino detto attuatore, collegato alla valvola. L’attuatore, quando la pressione dell’aria supera la forza della molla essa fa muovere un’asta che permette alla valvola (Westgate) di aprirsi. La Westgate permette di spostare una parte dei gas di scarico direttamente sul tubo di scarico, riducendo la pressione di sovralimentazione.

Questa struttura semplice del turbocompressore e la sua facilità di funzionamento si prestano alla sua “TARATURA” o meglio modifica, con l’obiettivo di aumentare la pressione e la quantità di aria convogliata nella camera di scoppio.

Con lo scopo di aumentare la pressione, basta quindi ritardare l’apertura della Westgate.

Sulle turbine gestite elettronicamente, interveniamo direttamente nella fase di mappatura della centralina, mentre in quelle meccaniche il risultato si ottiene in due modi diversi, un sistema MECCANICO e uno PNEUMATICO.

 

SISTEMA MECCANICO

Questo approccio viene usualmente adottato sui mezzi che hanno l’asta dell’attuatore della valvola filettata. La modific avviene sganciando il fermo che tiene l’asta in posizione sulla valvola Westgate, andando a scollegarlo, dopodiché procediamo ad allentare il fermo e avvitiamo il nottolino, stringendo il dadino bloccando la registrazione. A quel punto li si rimette in posizione e si procede al contrario. Questo permette di caricare la molla e quindi aumentare la pressione.

La forza della molla però potrebbe impedire di rimettere in posizione l’attuatore. In questo caso è consigliabile allentare i bulloni che fermano l’attuatore in modo da liberarlo, e successivamente si mette l’attuatore in posizione sulla valvola: fatto questo si mettono i bulloni sul supporto dell’attuatore e si riposizionano sulla chiocciola. Si procede poi a riaccostare i bulloni che torneranno nella loro posizione da soli facilitando l’operazione.

Se si tratta di un attuatore non filettato, si può o sostituirlo oppure filettarlo, oppure piegarlo leggermente le staffe di fissaggio dell’attuatore in modo di allontanare il polmone della valvola e caricare la molla.

Questo approccio fornisce più grinta e più cattiveria alla propulsione, permettendo una pressione più presente.

C’è da dire però che in fase di taratura con manometro bisognerà effettuare più prove, e se non si ottiene subito l’equilibrio l’operazione va effettuata più e più volte dopo aver provveduto a far raffreddare il turbo.

In aggiunta con pressioni elevate nel tempo si può causare lo sfondamento della membrana del polmoncino, portando all’assenza di sovralimentazione, perchè la valvola aprirà con pressioni minime. Problema risolvibile utilizzando un attuatore a pistone.

 

SISTEMA PNEUMATICO

Si tratta sicuramente di un sistema più semplice e rapido di attuazione.

Sulla chiocciola di aspirazione di alluminio è presente un raccordo, con un tubicino che parte dalla chiocciola ed arriva all’attuatore della Westgate.

Sarà necessario anteporre sul tubicino un raccordo a T tipo quelli usati nel giardinaggio. Si dovrà applicare il tubicino creando una FUGA D’ARIA, collegandolo da una parte alla valvola westgate, dall’altra alla parte del tubicino proveniente dalla chiocciola, e una parte ad un tubicino più lungo che rimarrà facile da raggiungere.

Come regolatore di pressione sarà necessario inserire un ugello(gigler) da carburatori.

 

REGOLAZIONE DELLA PRESSIONE

E’ necessario dotarsi di un manometro della pressione del turbo, sia da tuning ma meglio se professionale. Nel sistema MECCANICO si posizionerà il manometro regolatore al posto dell’ugello gigler, ottenendo la pressione uscente dalla turbina.
Nel caso di sistema pneumatico invece bisogna trovare ed agire direttamente sul collettore di aspirazione, per non annullare l’effetto della fuga d’aria già presente.

Sul collettore è necessario trovare un raccordo a cui collegarsi e se non presente tale raccordo sarà necessario forare il collettore stesso, per mettere su un raccordo filetato per posizionare il manometro.
La differenza tra pressione presa dal turbo e quella presa dal collettore è che quella sul turbo è esattamente quella uscente dalla turbina, mentre quella dal collettore è necessariamente più bassa per le perdite di pressione dovute a manicotti e alla lunghezza del circuito.

 

Pubblicato il

TURBOCOMPRESSORI MAGGIORATI: TANTI CAVALLI, MA E’ IMPORTANTE IL CONTESTO

turbocompressori maggiorati

Per coloro che vogliono aumentare le prestazioni della propria auto, l’impianto di un turbocompressore maggiorato in sostituzione è una opportunità ad hoc.
E’ necessario precisare però che i fattori che concorrono ad ottenere maggiore potenza sono molteplici.

E’ credenza comune e diffuso come accezione o leggenda metropolitana il fatto che un turbocompressore di dimensioni elevate generi maggiore potenza, produca più cavalli. Psicologicamente è più potente un turbo grosso, non c’è che dire. L’aumento delle prestazioni del turbocompressore è la base dell’elaborazione del motore, l’elemento principale da cui partire.

porscghe-911-turbo-s
Porsche 911 Turbo S

 

E’ assodato anche se non propriamente naturale da pensare che il turbocompressore maggiorato sia l’unico elemento dell’auto da considerare per l’aumento di potenza.
Spesso, se non sempre, è necessario che il processo di elaborazione e di miglioramento delle prestazioni passi anche per tutti gli altri elementi della vettura.
E’ quindi un concerto di fattori in cui ogni elemento del motore suona il suo strumento e concorre al raggiungimento del risultato. Mettere a punto ogni elemento permette di sfruttare l’automobile nel migliore dei modi e dà la possibilità al turbo di sprigionare il meglio di sé.

Quindi è bene affermare che non basta sostituire il turbocompressore per produrre più cavalli, e che questi cavalli devono essere di razza pura, ed anche molto allenati e alimentati bene.

 

Elaborazione turbocompressore

 

La messa a punto di tutti i fattori coinvolti, insieme all’elaborazione del turbocompressore, permette di raggiungere prestazioni ottimali con un investimento sicuramente non elevato, visto che tutti i ricambi di connessione, e liquidi di trasmissione(olio, aria) possono anche essere mantenuti di serie. Potrebbero essere necessari soltanto iniettori potenziati e un sistema di scarico più libero.

Nel caso di sostituzione completa del turbo invece si tratta di un cambio radicale, in quanto è necessario montare un collettore di scarico nuovo di zecca, con le misure corrispondenti per ogn tubo.

Quando si decide di installare un turbocompressore maggiorato è bene che la scelta vada su un turbo già testato su una vettura precendentemente, perchè è statisticamente provato che fare da automobile cavia per un turbocompressore potenziato nuovo non porta risultato, ma spesso problemi.
Inoltre la sostituzione di un turbo con uno di grandi dimensioni non è un certificato di miglioramento, anzi. E’ ben probabile che il nostro motore sia vuoto fino ai 5000 giri, e con soli 2000 giri di uso.

Tantissimi appassionati d elaborazione hanno provato l’esperienza di un turbo più “grosso”, per poi tornare sui propri passi.

turbocompressore-a-geometria-variabile
Turbo a geometria variabile per Porsche GT2 RS Turbo

 

I turbocompressori a geometria variabile sono tipicamente diffusi sui motori diesel, invece non molto su quelli a benzina. Scegliere il giusto turbo è dunque una scelta da fare ponderatamente: o ci rivolgiamo ad un esperto di elaborazioni oppure dobbiamo studiare una personalizzazione per ottenere risultati accettabili.

Il punto centrale della scelta è valutare tutti i parametri che descrivono le funzionalità di un turbocompressore, tra i quali spicca il famigerato rapporto A/R spesso stampato sulle chiocciole: si tratta del rapporto tra sezione di uscita del compressore(o della turbina) indicato appunto con A e la distanza tra il centro della sezione e l’asse di rotazione del gruppo turbo.

Pubblicato il

Turbocompressori Buccinasco – l’esperienza di Turmax!

Turbocompressori Buccinasco per le prestazioni del tuo motore!

turbocompressori buccinasco

Per incrementare le prestazioni del tuo motore a combustione interna scegli i turbocompressori Buccinasco di Turmax!

Turmax, è un’azienda specializzata in turbocompressori Buccinasco, che può vantare un’esperienza trentennale caratterizzata anche da collaborazioni con i più importanti team-corse ufficiali e non.

Tra le collaborazioni, i più conosciuti Team Rally sono: Nocentini, Jolly Club, Fiat Auto (“Abarth”), “Alfa Corse”.

Ottimi risultati sono stati raggiunti dall’azienda anche con la Lancia Delta, la Ford Escort, e successivamente con la Mitsubishi Lancer. L’azienda, negli anni, si è indirizzata e specializzata nel mondo dei turbocompressori e nello sviluppo/potenziamento dei motori sovralimentati.

Nel 2004 la Turmax ha deciso di abbracciare anche il settore nautico

I campi di applicazione di Turmax Turbocompressori Buccinasco

Le principali aree di cui si occupa sono:

  • Rally gruppo N-A-B
  • Mezzi pesanti da competizione
  • Imbarcazioni di ogni tipo, dalla revisione di serie al settore agonistico Off-shore
  • Super turismoRevisiona, modifica e vende tutte le marche di turbocompressori. Ritira, consegna e garantisce ogni lavoro effettuato, in Italia e all’estero.

I servizi a tua disposizione

Turmax Turbocompressori Cesano Boscone offre diversi servizi, tra cui la Revisione di Turbocompressori.

Revisionare la turbina è un fattore molto importante.
Una turbina revisionata ti permette di risparmiare ben il 40% rispetto all’acquisto di una nuova, in più quest’ultima viene revisionata e analizzata attraverso le stesse procedure che vengono di norma effettuate su una nuova.
Oltre all’aspetto economico vi si aggiunge anche l’aspetto ambientale,
E infatti, di facile comprensione, come da questi due semplici fattori,  revisionare la nostra turbina ci può portare dei vantaggi.

A disposizione della nostra clientela abbiamo un’ampia e dettagliata gamma di turbocompressori nuovi e usati.
Trattiamo tutte le marche e tutti i modelli i modelli che attualmente sono in circolazione.
Disponiamo anche di un servizio di assistenza sempre disponibile ed efficace.

L’azienda può vantare un gruppo di professionisti specializzati che nel tempo hanno affrontato qualsiasi problema relativo ai turbocompressori e le sue componentistiche.
Offriamo servizio di revisione per diversi mezzi, quali:

  • motori di autovetture
  • meccanismi di autocarri
  • motori di trattori
  • motori di imbarcazioni

Puoi trovare la Turmax Turbocompressori di Massimo Maffi in

Via M.Buonarroti, 7
20094 CORSICO (MI)

facilmente raggiungibile, quindi, anche da Buccinasco e Cesano Boscone.